CASA NATHAN ACCOGLIE IL RABBINO DI SEGNI 

Un caloroso incontro si è svolto martedì nella sede di Casa Nathan, tra il Rabbino capo di Roma, Riccardo Di Segni, e una folta rappresentanza dei Fratelli del Grande Oriente d’Italia (G.O.I.).

Ricevuto dal Gran Maestro del Goi, Stefano Bisi, e dal presidente del Collegio dei Maestri venerabili del Lazio, Carlo Ricotti, il Rabbino ha visitato i locali e i templi dei massoni romani.L’incontro è poi proseguito nel Tempio maggiore, dove decine di Fratelli, vestiti delle loro insegne, hanno accolto Di Segni con una triplice batteria di giubilo.

I consolidati legami che accomunano ebrei e massoni italiani sono stati evidenziati, nel suo saluto all’ospite, dal presidente Ricotti il quale ha ricordato che la sede massonica romana è intitolata a Ernesto Nathan, ebreo, illustre Gran Maestro della Massoneria e indimenticato Sindaco di Roma. Ricotti ha inoltre annunciato che il Collegio del Lazio contribuirà al riposizionamento delle pietre poste in alcune vie di Roma a ricordo della persecuzione nazifascista degli ebrei, e di recente rubate, auspicando che una nuova pietra sia dedicata a Carlo Zaccagnini, ebreo, massone e medaglia d’oro.

Sul rafforzamento dei rapporti tra ebrei e massoni ha insistito il Gran Maestro Bisi per il quale l’incontro con il Rabbino si inserisce a pieno titolo nel ricco filone di appuntamenti e confronti con i rappresentanti delle diverse religioni, che il Grande Oriente d’Italia ha promosso e promuoverà in numerose sedi per contribuire a emarginare, con lo strumento della reciproca conoscenza, i segnali di rinascente razzismo e di pericoloso populismo che si avvertono da più parti. Bisi ha anche ricordato che, nell’ultima Gran Loggia, il Grande Oriente ha deliberato di cancellare la parola “razza” dalle proprie Costituzioni e si è augurato che altrettanto si faccia con la Costituzione della Repubblica Italiana, come auspicato anche dalla senatrice Liliana Segre.

Il Rabbino Di Segni ha raccontato di avere imparato a nutrire stima e simpatia per la Libera Muratoria dal padre massone ed ha evidenziato tra i principali punti di contatto tra Massoneria ed Ebraismo, l’omissione degli storici a danno delle due realtà e l’invenzione del “complotto giudaico massonico” ad opera di ambienti legati alle gerarchie cattoliche. Riferendosi a Ernesto Nathan, il Rabbino lo ha definito uno dei brillanti ebrei che hanno trovato nella Massoneria il luogo ideale per coltivare e promuovere idee di libertà e progresso ed ha auspicato che continui questo cammino comune. Un cammino che ha definito “valoriale” perché fondato su valori condivisi, attuali e dei quali essere orgogliosi.

21 Comments

  1. hotshot bald cop 6 Febbraio 2022
  2. sbo 13 Marzo 2022
  3. hi 22 Marzo 2022
  4. hotshot bald cop 22 Marzo 2022
  5. hot shot bald cop 25 Marzo 2022
  6. Marylin 14 Aprile 2022
  7. pgslot99th 1 Maggio 2022
  8. Antonia 2 Maggio 2022
  9. Carrie 2 Maggio 2022
  10. Shavonne 2 Maggio 2022
  11. Ben 3 Maggio 2022
  12. Amber 4 Maggio 2022
  13. Karry 5 Maggio 2022
  14. hot shot bald cop 8 Maggio 2022
  15. address here 1 Giugno 2022
  16. browse around these guys 1 Giugno 2022
  17. Yzhlgt 28 Giugno 2022

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.